NOTIZIE ROMANE


gente comune presenta / sabato, Aprile 13th, 2013
Gente Comune ieri sera ha potuto riabbracciare il suo Deputato.
Eravamo parecchi, tutti curiosi di sapere di più sull’avventura di Sergio in quel mondo mitico della politica nazionale.
Lui non si è tirato indietro sotto il bombardamento di domande. Ci ha fatto capire che non è proprio una vacanza romana quella dei ragazzi a cinque stelle, lavorano sodo, non ci sono orari, gli ostacoli burocratici e procedurali sono intricatissimi e fanno perdere molto tempo ed energie. I deputati del Movimento sono tutti alla loro prima esperienza, non c’era alcuna macchina organizzativa pronta ad accoglierli (cosa invece scontata per i neo-eletti degli altri partiti), bisogna progettarla e costruirla dal nulla, bisogna amalgamare 160 persone che non si conoscevano, bisogna subito confrontarsi con grandi emergenze e grandi responsabilità.
Non è ancora passato un mese dal loro insediamento e la pressione mediatica a cui sono esposti li sta stressando visibilmente. Al di là di quello che può apparire su tv e giornali, dai racconti di Sergio emerge l’immagine di tensione continua e snervante per ragazzi provenienti da una normale vita di lavoro o di studio.
Eppure l’Onorevole Battelli ci è apparso carico. Si sono formati i gruppi che lavoreranno nelle varie commissioni ed è cominciato lo studio dei problemi veri e concreti del paese. Per ora è un lavoro preparatorio, perché le commissioni parlamentari non possono insediarsi senza i membri di PD e PDL, ma è utile avere più tempo per approfondire i problemi prima di mettere nero su bianco delle proposte.
In questo senso si è parlato delle accuse di dilettantismo a cui sono soggetti. La gente pensa che Berlusconi, Bersani o Bossi scrivano le leggi che poi ci raccontano in tv. In realtà il lavoro del politico consiste nell’avere idee e proposte, poi devono essere gli uffici legislativi a tradurle in testo di legge; ed è per questo che i collaboratori legislativi sono professionisti ben pagati a cui non si potrà rinunciare, o almeno non del tutto.
Del resto un’altra fonte di preoccupazione sono proprio i soldi. Per adesso non hanno ancora percepito nulla, per cui molti non riescono neppure ad affittare un vero appartamento dovendo anticipare 3/4 mesi di fitto ai prezzi della Capitale! Ma quando arriverà il primo accredito (il 27 aprile), è previsto l’assalto giornalistico per scoprire quanto guadagna un moralista grillino. Anche su questo fronte la pressione è alle stelle e i problemi burocratico-contabile-fiscali sono spinosi. Esperti della materia sono al lavoro e ci auguriamo che tutto risulti chiaro e trasparente, ma è facile scommettere che ci sarà chi troverà motivo per criticare.
Cosa concludere?  Un po’ di amarezza rimane in bocca quando ti rendi conto di quali costi e quali sprechi caratterizzano i palazzi di Roma, un’altro boccone amaro deriva dal rendersi conto di quanto la stampa e le tv distorcano i fatti, omettendo informazioni serie per puntare il mirino magari su una singola parola per creare polemiche.
Il polso della situazione economica, invece, sembra realisticamente al limite del crollo. La conclusione del governo Monti ci lascia un bilancio sul filo della bancarotta, se non interverranno correttivi alle spese, l’Agenda Monti proseguirà con i previsti ulteriori aumenti di tasse ai quali la gente potrebbe non poter materialmente far fronte. Se le aziende smettono di pagare tasse e contributi mancherà presto liquidità e non si potranno più pagare stipendi pubblici, pensioni e rimborsare i titoli dello stato.
In questo quadro terrificante,allungare i tempi con commissioni di saggi, consultazioni a tempo indeterminato o anche nuove elezioni equivale a suicidarsi, ma i partiti tirano avanti senza permettere al parlamento di iniziare a lavorare.
Conclusioni:
Sergio (quello delle canzoncine come il Pulcino Pio versione Johnny Delfino) sta crescendo. Dice pochissime parolacce, si appassiona al nuovo lavoro, intreccia contatti, impara.
Lo abbiamo abbondantemente preso in giro anche con battute da osteria (la commissione CUL…tura!!), ma sta diventando un ragazzo serio. L’Italia e Varazze potranno contare su di lui per il futuro.
Condividi se ti paice:

3 thoughts on “NOTIZIE ROMANE

  1. In questo senso si è parlato delle accuse di dilettantismo a cui sono soggetti. La gente pensa che Berlusconi, Bersani o Bossi scrivano le leggi che poi ci raccontano in tv. In realtà il lavoro del politico consiste nell’avere idee e proposte, poi devono essere gli uffici legislativi a tradurle in testo di legge; ed è per questo che i collaboratori legislativi sono professionisti ben pagati a cui non si potrà rinunciare, o almeno non del tutto. Del resto un’altra fonte di preoccupazione sono proprio i soldi. Per adesso non hanno ancora percepito nulla, per cui molti non riescono neppure ad affittare un vero appartamento dovendo anticipare 3/4 mesi di fitto ai prezzi della Capitale! Ma quando arriverà il primo accredito ( il 27 aprile ), è previsto l’assalto giornalistico per scoprire quanto guadagna un moralista grillino. Anche su questo fronte la pressione è alle stelle e i problemi burocratico-contabile-fiscali sono spinosi. Esperti della materia sono al lavoro e ci auguriamo che tutto risulti chiaro e trasparente, ma è facile scommettere che ci sarà chi troverà motivo per criticare. Cosa concludere? Un po’ di amarezza rimane in bocca quando ti rendi conto di quali costi e quali sprechi caratterizzano i palazzi di Roma, un’altro boccone amaro deriva dal rendersi conto di quanto la stampa e le tv distorcano i fatti, omettendo informazioni serie per puntare il mirino magari su una singola parola per creare polemiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *