errata corrige

Ricordate l’intervista del Sindaco in cui lodava il suo vice per la bella idea sui fuochi dai tre moli ?

Ricordate il post relativo scritto su questo blog ?  Ebbene ci siamo sbagliati, l’idea dei tre moli…

…ma facciamo prima un passo indietro.

Quando si fanno i fuochi artificiali, per motivi di ordine pubblico bisogna creare un area di sicurezza di circa cento metri. Ossia si fa un bel cerchio che ha per centro il punto da cui verranno sparati i fuochi e per raggio cento metri. La circonferenza è interdetta al pubblico per tutto il tempo della PREPARAZIONE  e dello spettacolo . Questo crea non pochi disagi per i bagni marini vicini al molo del Teiro, che studia che ti studia han avuto una pensata . Anni fa han chiesto al tecnico addetto ai fuochi artificiali se, dividendo i fuochi sui tre moli principali di Varazze, e riducendone magari l’altezza, si poteva anche ridurre il raggio del cerchio di interdizione. La risposta è stata quella che speravano: – certamente !

Così han fatto la proposta a Philip, che a sua volta la rivenduta al Sindaco che, va a sapere perché, l’ha fatta Sua, della Sua amministrazione e ha chiamato anche la stampa suonando la grancassa per fare un po’ di propaganda, visti i momenti di magra.

Quindi, se torniamo all’inizio del post, dobbiamo scusarci, abbiamo dato una notizia falsa:   CHE COLPO sarebbe da attribuire ai bagni marini e non al nostro amico LeLampion.  Lasciamo a voi i commenti del caso.

3 Replies to “errata corrige”

  1. Ah ecco quindi l’idea è questa: perchè penalizzare due soli stabilimenti balneari con questioni di sicurezza quando possiamo penalizzarne 6?
    Ottimo..
    Alla faccia di Bertino!!!

  2. mal comune mezzo gaudio
    le sofferenze sembrano meno gravi quando sono condivise tra molti.
    perchè rompere le scatole solo agli stabilimenti vicino al molo del teiro quando si può fare di meglio?

  3. A proposito di genialate del vicesindaco.
    Il condigiun è sempre fissato nel miglior fine settimana dell’anno, cioè 2-3-4 giugno?
    Se è così i ristoratori sentitamente ringraziano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *